Visita il nostro archivio

In questo articolo ecco cosa è stato raccontato giovedì scorso al SES di Londra nell’intervento dal titolo “Living in a ‘Smart’ World – How Mobile and Tablets are Shifting User Behaviour”.

La rapida diffusione di smartphone e dispositivi tablet ha creato di fatto nuovi canali per promuovere il brand: un dato? Il 54% delle persone accede a Facebook via mobile. E se non siete ancora convinti che l’utilizzo del mobile ormai sia esploso…

ogni secondo uno smartphone con Android 8.1 e con iOS 4.6 viene venduto. Gran parte delle attività su mobile è focalizzata sullo shopping, su guardare informazioni su film, musica, ecc, ma è anche orientata alla ricerca di offerte.
Gli utenti che utilizzano gli smartphone utilizzano moltissimo applicazioni che si occupano di fotografia e che aiutano quindi l’utente a fare delle belle foto in modo veloce. Gli utenti preferiscono “parlare” con i brand con le foto piuttosto che con tante parole. In particolare le giovani donne su Instagram fanno riferimenti a marche nelle immagini che pubblicano. Questa attitudine da parte degli utenti crea opportunità per i brand per creare e co-creare contenuti; Mark Brill cita un esempio sulla Ford Fiesta che ha creato #Fiestagram. Questa iniziativa ha prodotto 60.000 foto che parlano del brand e sono in rete.

L’ultimo flash sull’integrazione tra off-line e mobile: all’estero (sopratutto) vediamo store che in vetrina comunicano la propria presenza su 4square per creare engagement, se non volete creare engagement allora occupatevi dei vostri cliente con un servizio vero, London Gatwick Airport è un buon esempio di Costumer Service via Twitter.

Cristina Raso Twitter Account