Visita il nostro archivio

Le campagne PPC  come abbiamo visto in un nostro precedente post, sono uno degli strumenti utili per dare visibilità al nostro brand e allo sviluppo del nostro business.

I nuovi device, Tablet, Smartphone e Kindle sono utilizzati sempre di più da una fetta di mercato ampia, sia internazionale sia italiana. Da alcune ricerche si evince che su questo tipo di device rispetto alle campagne su PC, il CTR (Click-through rate) rapporto tra numero di click e numero di ‘impressions’ (quante volte viene visualizzato l’annuncio), è più elevato. Il CTR è una delle misure per capire quanto è efficace la campagna, ed il motivo per cui la % sia più elevata in questo tipo di dispositivi, va ricercata sicuramente, dalla presenza negli smartphone e nei tablet di un’area di visualizzazione più piccola dello schermo in cui però la parte paid search è predominante. Analizziamo meglio insieme la questione.

Un altro dato da considerare è la variabile competitivita delle keywords su questo tipo di supporti che spesso utilizziamo in movimento e in contemporanea con altri device (smartphone/pc – smartphone/TV), infatti  al momento è relativamente più  bassa rispetto alle campagne su PC tanto che possiamo spingere ad un CPC (costo per click più alto) cercando di essere presenti sempre nei primissimi posti della paid search.

Gli smartphone e tablet diventano inseparabili compagni di viaggio e  Google recentemente ha dichiarato che già i primi di luglio 2012, il 41% delle ricerche proveniva da un dispositivo mobile.  Ancora più interessante è il dato relativo al settore turistico, con il 33% di ricerche di strutture ricettive e il 26% di pacchetti turistici (Tnooz.com). Su mobile è interessante sperimentare e sfruttare al massimo la localizzazione, le ricerche on line su Mobile sono certo utilizzate per la scelta di strutture e ristoranti nel raggio di pochi chilometri quando siamo in vacanza, valida alternativa a applicazioni come Tripadvisor, Yelp e BookaTable che raccolgono recensioni e informazioni su hotel, ristoranti e tanti altri come locali e bar.

 Autore:
Cristina Raso  Twitter Account